La consulenza

I servizi di consulenza sono stati pensati per risolvere lo specifico problema aziendale. Rispondono alle più semplici domande "Come risolvo tale problema ?" , "Quale strumento è migliore per le mie esigenze ?" , "Come posso migliorare il processo aziendale ?"

La consulenza di prevendita permette di avere una chiara idea dello stato e degli obbiettivi da raggiungere. Affidarsi ad un consulente terzo, non venditore di prodotti, permette di avere una visione schietta sul proprio processo aziendale. Questa consulenza è formata da due fasi, spesso inglobate in un unico servizio:

Come miglioro ?

Consulenza di processo: la fotografia di come lavora ora l’azienda. Nel caso l’azienda avesse già documentazione di ciò, questa fase può essere saltata e si può passare alla consulenza di innovazione.

Consulenza di innovazione: le indicazioni di miglioramento procedurale, strumentale e di risorse umane, che si individua come congruo al raggiungimento del risultato prefitto dal cliente. In questa fase si decide il “cosa fare per migliorare”.

Cosa acquisto ?

Non sempre il cliente ha conoscenze interne tali da poter effettuare una corretta analisi di mercato e poter scegliere autonomamente la soluzione migliore. In questo caso possiamo eseguire una selezione delle migliori proposte sul mercato da implementare per poi scegliere di concerto con il cliente stesso.

Da dove comincio e come continuo ?

Gestione di progetto. Che si preferisca un approccio di Project Management o AGILE, mettiamo a disposizione del cliente la pianificazione di progetto correlata alle rispettive risorse. Per le aziende che lo richiedono, per esempio partecipate o che debbano ricevere finanziamenti, si offre la strutturazione del piano di progetto compatibile PMI o Prince2 a preferenza.

Adozione strumentale. Si coordinano quindi i fornitori in modo da rispettare il piano di progetto. Esemplificando una delle caratteristiche di una adozione ponderata della parte strumentale è quella di ridurre il più possibile il tempo “perso” dal personale utilizzatore della strumentazione.

Configurazione ad’hoc. Si procede poi alla configurazione ad’hoc degli strumenti, configurazione effettuata da personale specialistico non solo conoscitore dello specifico strumento, ma affiancata da personale che conosce le esigenze del processo aziendale specifico.

Personalizzazione. Lo sviluppo di automazioni, macro-comandi o veri e propri software personalizzati per il cliente può essere una soluzione dove non vi sia nulla di acquisibile nel mercato che soddisfi le esigenze del cliente.

Formazione. La formazione può essere erogata sotto varie forme, dalla più tradizionale formazione in aula alla formazione a distanza, ai corsi di auto-apprendimento.